Se non hai mai comprato uno zaffiro, potresti rimanere sorpreso dalla quantità di varianti esistenti di questa pietra preziosa. Magari ti è capitato di entrare in un negozio e di chiedere una di queste gemme, sentendoti rispondere con una serie di domande sulle caratteristiche che stai cercando. Effettivamente esiste un piccolo mondo dietro a questa pietra, che nella guida che stai leggendo ti verrà spiegato a fondo. Andremo ad analizzare le singole tipologie di zaffiro, soffermandoci sul loro valore e sulle occasioni in cui possono essere regalati per assicurarsi una bella figura.

Come valutare uno zaffiro

Sono tre gli elementi che permettono di distinguere una pietra di maggior pregio da una di minor pregio:

  1. Colore: questo è il criterio di maggior rilevanza, e viene preso in considerazione in maniera più approfondita nella sezione in cui sono elencate tutte le diverse tipologie di zaffiro. Si va dallo zaffiro nero, che può valere anche meno di 20 euro per carato, al royal blue ed al padparadscha che arrivano fino a 25-30.000 euro.
  2. Purezza: normalmente gli zaffiri vengono valutati ad occhio nudo, cercando le imperfezioni di colore e di taglio. In particolar modo, il taglio deve far risultare più brillante possibile la gemma; il colore, invece, più è omogeneo e più dona valore allo zaffiro.
  3. Dimensioni: questa voce si spiega pressoché da sola. Maggiore è la dimensione della pietra, maggiore sarà il suo valore.

Uno dei grandi vantaggi di questa pietra è proprio il fatto che il suo valore varia molto a seconda delle caratteristiche, quindi si parte da un range di gemme alla portata di tutti fino ad arrivare ad alcuni prodotti molto esclusivi. In questo modo, all’interno della grande categoria della gioielleria con zaffiri, c’è sempre un prodotto che si adatta bene alle nostre esigenze.

anello-oro-bianco-zaffiri-neri-1

I diversi tipi di zaffiro

Cominciamo facendo chiarezza su tutti i tipi di zaffiro esistenti e sulle loro caratteristiche.

Zaffiri gialli

Gli zaffiri gialli sono molto in voga per gli anelli di fidanzamento. Si possono ammirare in tutto il loro splendore con la luce diurna, specialmente nei momenti immediatamente successivi all’alba o immediatamente precedenti al tramonto. Il loro colore giallo intenso, in questi momenti, si accende rivelando la bellezza della gemma. La crescente popolarità degli zaffiri gialli li sta rendendo molto popolari anche come forma di investimento, in realtà, esattamente come sta avvenendo per i diamanti gialli.

Il loro colore può variare da un giallo tendente al verde fino ad un giallo tendente all’arancione. Il loro valore aumenta notevolmente se la pietra non è stata trattata ad alte temperature, cosa facilmente visibile perché elimina le piccole inclusioni naturali a forma di piuma che queste gemme presentano di solito.

Dal momento in cui sono considerati meno preziosi degli zaffiri blu, rosa o padparadscha, normalmente nella fase di taglio non si cerca un compromesso sulla brillantezza in favore del mantenimento del peso più alto possibile. Questo rende molto forte il loro impatto estetico, ed è anche per questo che vengono largamente impiegati per la creazione di gioielli.

Le collezioni Le Fedine e Gli Incroci possono essere realizzate con zaffiri gialli.

Zaffiri neri

Fino a poco tempo fa gli zaffiri neri non godevano di grande popolarità, ma negli ultimi anni hanno cominciato ad essere impiegati sempre di più in gioielleria. Grazie al loro colore molto elegante, sono solitamente utilizzati per creare collane e braccialetti da sera. Gli zaffiri neri non sono comunque ancora considerati una pietra di valore, dunque il loro mercato è accessibile a tutti: rispetto ai loro “cugini” blu, queste gemme hanno un costo molto contenuto.

Anche se come investimento non possono essere granché raccomandati, questi zaffiri hanno un grande vantaggio. Malgrado il colore sanno brillare sotto la luce, e durante la fase di taglio si è piuttosto generosi nell’eliminare il peso di troppo. In questo modo oggi esistono dei gioielli, fatti di zaffiri veri e propri, che costituiscono idee regalo molto valide a prezzi modesti.

anello-in-oro-bianco-con-diamante-da-1-ct-e-zaffiri-1000x800.jpg

Zaffiri blu

Gli zaffiri blu sono i più pregiati, pur non essendo tra le forme più rare. Solitamente, nella pietra si ricerca una tonalità più scura che arrivi quasi al violetto, il che è segno di grande pregio; malgrado la tonalità del colore, in ogni caso, gli zaffiri blu di maggior pregio sono quelli che hanno comunque grande brillantezza e lucentezza. La tonalità non incide infatti sulla saturazione, ovvero su quanto il colore sia poi vivido. Gli zaffiri di maggior valore sono i royal blue, che combinano appunto una tonalità piuttosto intensa e scura ad una grande brillantezza.

Al polo opposto troviamo gli zaffiri blu il cui colore tende verso il verde, che sono quelli di minor pregio. La tonalità più chiara rende anche più visibili le imperfezioni, anche se parliamo comunque di gemme di un certo valore. La gran parte del mercato, almeno in termini di valore, ruota proprio intorno alla variante blu di questa gemma. Anche se ultimamente si sta diffondendo l’uso di altre varianti, questa rimane comunque la più desiderabile e quella dal maggior valore.

Ecco degli splendidi esempi dei nostri prodotti realizzati con zaffiri blu:

Zaffiri Ceylon

Ceylon, tecnicamente, è il nome della regione dello Sri Lanka in cui venivano estratti questi zaffiri prima del 1982, prima che appunto il territorio diventasse noto con il nome odierno. Al di là della loro origine, in ogni caso, gli zaffiri Ceylon hanno la caratteristica di presentare un colore blu molto puro, ma chiaro. Sul mercato hanno trovato ampio spazio anche se, effettivamente, non hanno lo stesso colore blu scuro di quelli estratti nelle aree prossime ad Australia e Thailandia.

Il loro blu quasi elettrico trasferisce alla gemma la capacità di essere incredibilmente lucente, specie se tagliata nel modo tradizionale dei tagliatori locali. Talvolta ne vengono estratti alcuni poco colorati, che non avrebbero grande valore; proprio questi vengono trattati ad alte temperature con un materiale chiamato berillio, per ottenere degli zaffiri gialli di minor pregio ma dal prezzo comunque sostenuto.

Zaffiri padparadscha

Gli zaffiri padparadscha sono tra le gemme di maggior valore al mondo: il loro prezzo per carato, nella fascia di alta qualità, arriva a toccare i 30.000 euro per carato. Il loro colore varia tra il rosa ed il rosso, ed infatti questi zaffiri sembrano proprio una fusione tra uno zaffiro giallo ed un rubino. Tendono comunque ad avere la brillante lucentezza degli zaffiri, anche se il colore rimanda di più al rubino.

In realtà, il termine padparadscha indica il colore del fiore di loto in Sanscrito, lingua che per secoli è stata parlata dalle popolazioni dello Sri Lanka che estraggono tutt’ora questa gemma. Grazie al loro colore le imperfezioni sono visibili anche ad occhio nudo, ed ovviamente meno ne sono presenti e maggiore sarà il valore della pietra. Infine, per via della forma della pietra grezza, bisogna sottolineare che il taglio può avvenire in diversi modi; le due forme più comuni, comunque, sono quelle ovali ed a cuscino.

Zaffiri bianchi

Gli zaffiri bianchi sono più rari di quelli blu, eppure il loro valore è inferiore. Il motivo principale è che chi cerca una pietra di valore, ma trasparente, tende a preferire il diamante per questioni di tradizione e notorietà. In ogni caso lo zaffiro bianco è un’alternativa più economica che permette di non scendere a compromessi in termini di bellezza e lucentezza; ancora una volta, a segnare la gran parte del valore, è la mancanza di difetti nel colore. Gli zaffiri bianchi vanno studiati ad occhio nudo, cercando segni di altri colori come il verde o il giallo. Meno questi segni sono presenti, maggiore sarà il valore.

Lo zaffiro bianco è ottimo per i regali di compleanno e per gli anelli di fidanzamento, essendo molto bello da vedere ma comunque acquistabile ad un prezzo moderato. Nella gioielleria moderna non se ne fa ancora un uso granché ampio, ma insieme allo zaffiro giallo si sta diffondendo piuttosto rapidamente.

bracciale-oro-bianco-e-zaffiri-gialli-1

L’uso degli zaffiri in gioielleria

Sono passati ormai oltre due millenni da quando gli zaffiri hanno incominciato ad essere impiegati in gioielleria. Da allora sono pressoché sempre stati utilizzati per forgiare oggetti di grande pregio, ma grazie all’avvento delle nuove varianti di colori diversi stanno entrando anche nelle categorie di prodotti meno costose. In particolare:

  • Anelli di fidanzamento: molto spesso in zaffiri gialli o bianchi, sono molto eleganti e lucenti. Una piccola pietra può donare grande carattere all’anello, ma facendolo comunque restare facile da portare ed adatto ad ogni occasione. Inoltre lo zaffiro, donato per il fidanzamento, simboleggia fedeltà e lealtà.
  • Collane da sera: per un’occasione elegante, uno zaffiro blu non ha uguali. Il diamante è sicuramente bello e universalmente riconosciuto per il suo prestigio, ma la lucente eleganza di uno zaffiro troverà sempre spazio nei prodotti pensati per queste occasioni.
  • Orecchini: molto spesso gli zaffiri blu vengono accostati ai brillanti e all’oro bianco, ma sono soltanto alcune delle varie combinazioni possibili per creare dei gioielli unici partendo dagli zaffiri.

Anelli: Diamante vs Zaffiri

Concludiamo questa guida con un focus particolare sugli anelli, dal momento in cui in molti ci hanno chiesto di chiarire le occasioni, nonché il significato, del regalo di un anello con diamante piuttosto che con uno o più zaffiri.

Per il matrimonio, l’opzione più diffusa rimane quella con il diamante. Anche se meno tradizionale, comunque, la scelta degli zaffiri è sempre più popolare. Il diamante “è per sempre”, come recitava il famoso slogan, per cui simboleggia per antonomasia l’intenzione di rimanere in eterno con una persona. Lo zaffiro, per contro, è segno di lealtà e fedeltà; entrambi i significati sono molto profondi nel contesto di un matrimonio, ma il diamante rimane la scelta più popolare.

Gli zaffiri blu stanno diventando, invece, sempre più diffusi come scelta per l’anello di fidanzamento. Dal momento in cui due persone non si sono ancora impegnate a rendere ufficialmente definitiva la loro unione, in queste circostanze un diamante può risultare fuori luogo. Con la sua brillante eleganza, lo zaffiro blu si è quindi affermato come una valida alternativa.

Leggi anche l’articolo: Diamante per battesimo: tutto quello che c’è da sapere.